Posts Tagged ‘antibufala’

Si nutre della credulità degli utenti di Rete, 6 lettere: BUFALA

giovedì, novembre 14th, 2013

Mi arrivano in questi giorni segnalazioni / domande di chiarimenti / richieste di conferma da parte di persone (per lo più studenti) che hanno ricevuto messaggi da un fantomatico “Lazzari Marco”,  sedicente manager delle risorse umane presso Alba-Outsourcing S.r.l., il quale, in maniera comicamente sgrammaticata (Ci saremmo felice), propone offerte di lavoro.

In fondo al post incollo alcuni dei suoi messaggi. Prima qualche osservazione e consiglio.

In primis: NON SONO IO!

A parte il fatto che credo di scrivere meglio del Fantomas, a parte che non mi firmerei mai con il cognome prima del nome, ma un ruolo come quello del sedicente manager sarebbe incompatibile con il mio stato giuridico di docente universitario di ruolo a tempo pieno.

Ma, soprattutto: OCCHIO ALLE BUFALE che pascolano in Rete!

Non dico che quella del Lazzari sia necessariamente una bufala, come tout court afferma la pagina  http://www.mxpress.eu/?p=31402, però ci andrei molto cauto. Esiste in effetti un sito web all’indirizzo www.alba-outsourcingsrl.org che nella pagina “About us” dice, tra le altre cose:

“Mai stato così un fenomeno totalizzante e potente come outsourcing. Trascendente Aldilà segmenti verticali uno settore, l’esternalizzazione è diventata la strategia “di default” per tutte le organizzazioni profit coscienti che lottano per mantenere la loro striscia vincente e di alta redditività. Scenario di oggi nel mondo del lavoro è più competitivo di quello che era in passato. Vi è una crescente consapevolezza che la saggezza sta nel consolidare le funzioni fondamentali di competenza e in outsourcing il supplemento.”

A buon intenditor…

Soprattutto ricordatevi sempre che “vi è una crescente consapevolezza che la saggezza sta nel consolidare le funzioni fondamentali di competenza”. Lo dico sempre anch’io, magari con altre parole. Statevi accorti. Quando vi arriva una mail strana, googolatene qualche frase, probabilmente non siete i primi a riceverla e negli archivi di Google c’è qualcosa che può aiutarvi.

Firmato: Marco Lazzari

=======================

Subject: Nuove possibilita di raggiungere i vostri obiettivi – Possibile applicante!
From: albaoutsourcing.srl@gmail.com

Salve X. Y.,

Siamo lieti a offrire un’opportunita di lavoro da Alba-Outsourcing S.r.l.. Riteniamo che la sua abilita sara benefica per la nostra azienda.

Requisiti principali:

- Residentza in Italia;
- Essere un utente di PC competente con Accesso a Internet 24/5;
- Disponibilita minimo 2 ore da Lunedi al Venerdi tra le ore 11:00 e 15:00
- conto corrente bancario

Ci saremmo felice a iniziare a lavorare con Lei il piu presto possibile. Si prega di rispondere a Lazzari Marco non appena si riceve questa lettera, per la documentazione e le istruzioni successive.

Se si decide di accettare questa offerta, si prega di compilare ed inviare il modulo sottostante con i suoi dati di contatto per verificare l’identita e l’interesse in questa posizione.
——————— MODULO _________ MODULO ——————
Nome e Cognome:
Indirizzo:
Telefono:
Ore della chiamata preferite:
——————— MODULO _________ MODULO ——————

Attendo la sua risposta.

Cordiali saluti,

Lazzari Marco
HR Manager

=======================

Come va X.Y.,

Lei e una persona responsabile? Dedicata? Ambiziosa?

Lei e un studente, una casalinga, un anziano a casa?

Lei si trova alla ricerca di orari di lavoro flessibili, della piena sicurezza sociale e colleghi gentili?

Oltre a questo il reddito affidabile ed elevato e anche in cima della Sua lista dei desideri?

Il Suo CV sul sito infojobs.it ha attirato la nostra attenzione.

Le proponiamo un lavoro part-time! Alba-Outsourcing S.r.l. ha bisogno di agenti di elaborazione dei pagamenti!

La posizione che rappresenta un comodo lavoro da casa Sua con poche ore al giorno ed ottima paga e disponibile ora.

Se Lei e interessato a questa opportunita reddito aggiuntivo, l’indipendenza e benefici completi, La preghiamo di rispondere a questo messaggio e il nostro manager La contattera da e-mail aziendale per discutere in dettaglio di questa opportunita di lavoro.

Per velocizzare il processo di comunicazione, La preghiamo di compilare le informazioni richieste qui di seguito:

——————— MODULO _________ MODULO ——————
Nome e Cognome:
Indirizzo:
Telefono:
Ore della chiamata preferite:
——————— MODULO _________ MODULO ——————

Distinti saluti,

Lazzari Marco
Alba-Outsourcing S.r.l.

 

 

Microsoft pagherà 245 euro

martedì, febbraio 1st, 2011

È ormai la terza volta dall’inizio dell’anno che ricevo la mail che dice che

“Ad ogni persona che invierà questo messaggio, Microsoft pagherà 245 euro Per ogni persona a cui avete inviato questo messaggio e che lo invierà ad altre persone, Microsoft vi pagherà 243 euro. Per la terza persona che lo riceverà, Microsoft vi pagherà 241 euro. Fra due settimane, Microsoft vi contatterà per la Conferma del vostro Indirizzo Postale e vi invierà un assegno.”

Bufalo al galoppoBasterebbe prendere una frase dal messaggio e metterla in un motore di ricerca per scoprire che si tratta di una  bufala che gira dallo scorso millennio, non sarà ora di fermarla?
Il sito di Paolo Attivissimo per queste cose è una miniera di informazioni.

Il campo Bcc (blind carbon copy), questo sconosciuto

sabato, agosto 28th, 2010

Scrivevo in Informatica umanistica:

“Il campo Bcc: (tradotto in italiano con Ccn – Copia carbone nascosta) viene anche sfruttato per impedire che ciascuno dei destinatari in esso contenuti venga a conoscere l’indirizzo degli altri o, se vogliamo, che l’indirizzo di ciascuno venga conosciuto da tutti gli altri: si tratta in questo caso di una politica di gestione dell’indirizzario volta a proteggere la privacy dei destinatari (o, vista dalla parte degli interessi del mittente, volta a tutelare il valore economico del suo indirizzario).”

Come tutti, ricevo molti messaggi di posta che mi sollecitano ad aderire a qualche nobile causa o compiere qualche opera buona e a far circolare il messaggio fra i miei amici; catene di Sant’Antonio che magari mi arrivano con allegato qualche Power Point di dolcissimi cagnolini abbandonati sulle autostrade, di gattini bonsai miniaturizzati vivi dentro a una bottiglia, di poveri fanciulli denutriti, di paradisi perduti o in via di sparizione, di teneri Giacomini sedotti e abbandonati.

Io forse ne ricevo più di altri, perché molti dei miei diecimila ex studenti mi hanno inserito nel novero dei paladini buoni per tutte le stagioni.

Se devo essere sincero, di solito butto senza neanche leggere: è assodato che nella maggioranza dei casi si tratta di bufale (controllare per esempio il sito antibufala di Paolo Attivissimo). E verificarne l’attendibilità mi costerebbe energie che preferisco convogliare verso nobili cause di mia scelta.

In ogni caso, messaggi del genere sono inevitabili. Quello che più che altro mi disturba, però, non è il contenuto, quanto la forma: di solito il messaggio è indirizzato a una lunga lista di destinatari, dei quali riesco a vedere l’indirizzo di mail. Dunque, altrettanto faranno loro con il mio.

Qual è il problema? Mi spiego: il mio indirizzo di mail è strapubblico e quindi chiunque lo può trovare in rete per poi scrivermi lettere anonime (vero?..) o propormi prodotti e servizi. Perciò, anche se aggiungi il mio indirizzo alla tua lista con la quale stai per diffondere la tua nobilissima causa, pazienza.

Però magari la tua amica Maria Rossi, con la quale sei in corrispondenza, non ha piacere che tutti conoscano il suo indirizzo. Magari semplicemente non ha piacere che capiscano che tu conosci il suo indirizzo (sei un tipo poco raccomandabile?).

Allora, falle questo piacere: invece di mettere la lunga lista di destinatari del tuo messaggio nel campo “To:” della mail (o, se il tuo programma di posta parla italiano, nel campo “A:”), mettila nel campo “Bcc:” (o “Ccn:”), che starebbe per Blind carbon copy – in questo modo il messaggio arriverà a tutti quanti, ma nessuno potrà vedere l’indirizzo degli altri (magari nel campo “A:” metti te stesso).

Con questo sistema si protegge la privacy dei destinatari; e oltretutto si protegge anche il valore dell’indirizzario, nel senso che può essere che costituire la lista di indirizzi ti sia costato tempo e fatica e che tu non gradisca “regalarla” a chicchessia.